Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti


La tragedia di Rindt.

Jochen Rindt con la moglie Nina 

"E' troppa questa fortuna. Comincio un poco a preoccuparmi perché potrebbe non continuare."
Risuonano beffardamente amare queste parole di Jochen Rindt, che così commentava la stagione che, fino a quel momento, lo stava consacrando tra i grandi piloti della storia. Nel campionato del mondo del 1970, il pupillo di Colin Chapman la fortuna se l' era però meritata, anche perché la sorte aveva un debito enorme con lui.
Nato a Mainz, in Germania, il 4 aprile 1942, dopo pochi mesi di vita aveva perso i genitori, morti ad Amburgo sotto un bombardamento . Venne così affidato ai nonni che abitavano a Graz, in Austria e in Austria Rindt trascorse quasi tutta la sua vita, rimanendo cittadino Tedesco.
Dopo il liceo, nel 1962 comincia a correre con una Alfa Romeo Giulietta T1 preparata da Conrero. Si rivela ben presto un pilota di talento e grintoso, uno che o "vince o rompe" ma, all'occorrenza, in grado anche di ponderare bene i limiti della vettura, tanto è vero che nel 1965 con una 250 LM., in coppia con Masten Gregory, firmerà l'ultima vittoria della Ferrari nella 24 ore di Le Mans. Intanto diventa il padrone incontrastato della Formula due, dove miete vittoria dopo vittoria, diventando il maestro della categoria.
In Formula uno aveva esordito a Zeltweg con una Brabham BRM ma deve attendere il 1969 per vincere il suo primo Gran Premio, quando, ingaggiato da Chapman, trionfa a Watkins Glen con una Lotus 49.
Nel 1970 si aggiudica cinque Gran Premi, a volte in modo rocambolesco ma lui è sempre in agguato, pronto ad approfittare del più piccolo errore dei suoi avversari. La sua ultima vittoria, a Hockenheim, è forse la più bella ed esaltante. Batte Ickx in volata, meritandosi dalla stampa italiana l'appellativo di Jochen "GRINDT".
 

Ore 15.10, Rindt firma un ultimo autografo.

Dopo la vittoria in Austria di Ickx, i tifosi della Ferrari attendevano con entusiasmo il Gran Premio d’ Italia ma per Rindt la gara di Monza rappresentava solo una tappa di avvicinamento verso la conquista del titolo mondiale.
A quattro gare dalla fine il pilota della Lotus è in testa alla classifica con 20 punti di vantaggio su Brabham, e l' alloro appare ormai a un passo.L' unico ostacolo concreto è rappresentato proprio da Jackie Ickx, in splendida forma e con una Ferrari molto competitiva ma attardato in classifica, con 26 punti di distacco.
Alle ore 15 di sabato 5 settembre 1970 cominciano le prove decisive. La giornata è calda e in pista scendono pochi piloti. Come spesso accadeva, chi non ne ha urgente bisogno preferisce aspettare le ore più fresche della sera, per cercare di spiccare i tempi migliori ma le prove del venerdì per Rindt non erano state incoraggianti e sono circa le 15.15 quando decide di partire, nel tentativo di trovare soluzioni che migliorino le prestazioni della sua Lotus 72.

Sopra - Forse è l' ultimo passaggio in Parabolica del pilota austriaco con la 72,  cui sono state  " tarpate le ali"  per  ricercare  una maggiore velocità di punta   Paradossalmente Rindt soffriva di " mal d'auto"  e tollerava il casco integrale solo sui circuiti meno tortuosi, come Hockenheim e Monza.

Conclude il primo giro in 1’40”78, il secondo in 1’27”59, poi 1’27”24 e ancora 1’26”75. Inizia il quinto giro. Sono le 15,25, la lotus 72 si avvicina alla parabolica, ad alcuni pare ondeggiare, forse è una normale manovra ma poi punta decisamente a sinistra verso il guard-rail. Alle sue spalle c'è Denny Hulme con la McLaren che così ricorda ciò che vide:
" La vettura andò leggermente a destra, poi a sinistra e poi di nuovo a destra...dopo si spostò bruscamente a sinistra e stava iniziando un testa-coda quando urtò il guard-rail".
Ecco invece il racconto dell' incidente nella testimonianza di alcuni spettatori:
" Vediamo arrivare Rindt, molto, molto forte, tutto alla destra della pista. L’auto non sbanda affatto, si ode uno strano, sordo indefinibile rumore, poi, paradossalmente, prende per la diagonale e si pianta sotto il guard-rail, esattamente a due metri da noi. Ci buttiamo tutti quanti a terra, per paura che la Lotus scoppi. Durante l’ improvviso sbandamento l’auto è stabile, non frena, pare una traiettoria voluta tanto è macabramente sicura. Rindt è altrettanto composto nell’abitacolo, sull’erba restano i solchi appena accennati degli ultimi metri. Poi la carambola che riusciamo solo a intravedere nel polverone. Sul luogo dell’ impatto rimangono parte dell’avantreno, del musetto, del volante contorto e la ruota anteriore sinistra, che si è infilata sotto il guard-rail ed è strisciata circa due metri avanti."
La vettura quindi, dopo alcune sbandate , si sarebbe diretta decisamente sulla propria sinistra fino ad urtare il guard-rail e infilandosi sotto di esso. Dopo aver strisciato per un paio di metri avrebbe incontrato un palo di sostegno della rete, perdendo a questo punto l'intero avantreno.

L' attimo del violento impatto contro il guard-rail. mentre Hulme che sopraggiunge  con la sua McLaren, assiste impotente alla tragedia. La vettura prosegue poi la sua corsa strisciando contro la barriera e,  dopo ripetuti testa-coda, si arresta all'esterno della curva Parabolica dove accorrono subito i commissari.

Si noti come l'avantreno sia stato completamente strappato e  quanto devastanti si presentino i danni della Lotus. Un commissario esamina il punto d'impatto, qui sottolineato da una freccia. I piloti pretesero i guard-rail su tutti i circuiti ma ci si accorse che potevano rappresentare un pericolo in più, se non ben allestiti. Viene naturale il confronto con la maggiore robustezza delle vetture di oggi e una considerazione positiva sui grandi progressi fatti per rendere le corse  più sicure, anche se Rindt e molti altri suoi colleghi purtroppo non ne hanno potuto beneficiare.
Ecco il dettaglio del punto di impatto. Sul luogo, affondata in una buca, è adagiata la ruota sinistra, mentre il volante con parte dell'avantreno sono nascosti dal guard rail.
L' angolo d' impatto non era particolarmente accentuato ma, incastrandosi sotto la barriera, la vettura ha fatto perno attorno al palo, aumentando la decelerazione e danneggiandosi gravemente.
La buca che ha favorito la fatale dinamica è probabilmente opera di qualche spettatore, scavata forse per poter invadere la pista in occasione della Mille chilometri corsa in aprile, ed ora tragica testimonianza dell' irresponsabilità.

Per la violentissima decelerazione Rindt ha subito ferite mortali e quando arrivano i soccorsi già non perde più sangue, segno evidente che il suo cuore si è fermato. Si tenta subito una disperata rianimazione sull’autoambulanza che lo trasporta al pronto soccorso dell’autodromo e pare che ci sia una flebile reazione ma è solo un attimo. Rindt muore durante il trasporto.
Nei box della Lotus si attende invano che la vettura numero 22 sbuchi dalla parabolica. Si intuisce subito che è successo qualcosa e Jackie Stewart, caro amico dei coniugi Rindt, corre a informarsi. Quando ritorna si avvicina a Nina delicatamente:
"Vieni Nina, Jochen si è fatto male".

Si recuperano i resti della Lotus 72 che verranno trasportati in un'autorimessa dove resteranno sotto sequestro in attesa delle perizie.
La ruota destra, che era schizzata lontano dopo il primo impatto, è già stata caricata.
Quella di Rindt fu, purtroppo, solo una delle numerose tragedie che funestarono le corse nella stagione 1970.
Divamparono accese polemiche e alcuni proposero, sul modello svizzero, di proibire le gare automobilistiche ma da allora si realizzarono continui e ammirevoli progressi per la sicurezza.

Il procuratore della Repubblica dott.Recupero avvia immediatamente l'inchiesta per stabilire le cause dell'incidente e incarica l' ing Giovanni De Riu di analizzare i rottami della Lotus 72. Dopo quattro mesi consegnerà un voluminoso incartamento dal quale emergono le responsabilità dei tecnici Lotus.
Lunedì 14 settembre venivano aperti i sigilli del garage numero 5 che conservava i rottami della vettura di Rindt e si procedeva agli esami preliminari. Ad essi era presente anche Giuliano Orzali, apprezzato tecnico e giornalista, il quale così ricorda ciò che vide:
" Entrambi i semiassi erano a pezzi e così pure tutta la sospensione anteriore. Una delle pinze era ancora attaccata al suo disco, che reggeva un albero quasi intatto, rotto verso l'estremità esterna. Si è ritenuto che si trattasse del pezzo di destra. La ruota di destra aveva ancora il supporto completo con mozzo e sporgeva un corto pezzo d'albero. Guardando da vicino il punto dove l'albero cessava, si sarebbe detto che qualcosa si fosse strappato, dato che la linea di frattura era di sghimbescio (vale a dire a "bisello", come si verifica, in particolare, nelle rotture da torsione). L' albero del freno anteriore, spezzato tanto vicino alla ruota anteriore destra, significava che la Lotus era rimasta con una azione frenante priva di equilibrio in un momento molto critico, ad alta velocità e diretta verso sinistra."

Il venerdì, sempre all'ingresso della Parabolica, Fittipaldi si era ritrovato con il freno anteriore destro bloccato, uscendo anche lui di pista ma, fortunatamente, senza alcuna conseguenza. Questo inedito documento rafforzò i sospetti di quanti avevano subito concentrato la propria attenzione su una possibile rottura dell' albero del freno anteriore.

Se la causa dello sbandamento e uscita di pista della Lotus è da attribuirsi alla rottura dell'alberino del freno destro, la morte di Rindt è stata però causata dal guard-rail. L'angolo d'impatto non si presentava particolarmente accentuato ma, come si nota nelle fotografie, la barriera era troppo sollevata da terra anche a causa di una buca, così che la vettura si potè infilare sotto finendo poi per incastrasi contro un palo di sostegno e subendo una decelerazione troppo violenta per il corpo umano.

Il 10 marzo 1971, al salone dell'auto di Ginevra, Nina Rindt e la piccola Natascia, figlia di Jochen, ritirano il "Casco d'oro" della rivista Autosprint Natascia volle subito solo per sè il riconoscimento vinto dal papà.

Luigi P.


Video dell'incidente.
Biografia

Altre storie
Fino al 1950. 1950 - 1960. 1970 - 1980.

1990 - 2000.

1. Il primo gran premio
2. Frecce d'argento
3. Nuvolari umilia Hitler.
4. L'ultima gara di Nuvolari.

01. Nasce il mondiale di F.1
02. Una gara memorabile.
03. Ritorna la Mercedes!
04. Tragedia a Le Mans.
05. Il sacrificio di Collins
06. Arrivano gli inglesi.
07. La nuova generazione.
08. Il dominio inglese
09. L'era di Clark
10. La Brabham
11. Bandini: il più amato
12. Addio Jim!
01. 1970: un anno da ricordare.
02. La tragedia di Rindt.
03. La Lotus 72.
04. La sorpresa Tyrrell.
05. Il litigio di Fittipaldi.
06. Il dramma di Williamson
07. Riscossa Ferrari.
08. Wing-car (1)
09. Wing-car (2)
10. La febbre Villeneuve.
11. Il turbo.
12. Ricordo di Depailler.
13. La corsa dei campioni.
14. Gilles: l'ultimo mito.
15. Elio de Angelis.
16. 1984: Nasce una stella.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. L'ultima di Berger
04. Tragedia a Monza.
05. Cooper e Hayes.

2000 - 2010

2010 - 2020

Varie.

Speciale Senna.

01. 2001 e i record di Schumacher.
02. 2001: L'ultima di Hakkinen.
03. 2002: Dominio assoluto.
04. La fine dell' Arrows.
05.Schumi, 6 leggendario!
06. Biografia di un campione.
07. 10 anni senza Senna.
08. Minardi.
09. 2005 Alonso nuovo fenomeno.
10. 2006 Schumacher 16 anni da Re
11. 2006 Alonso si conferma fenomeno.
12. 2007 Spy story ai danni della Ferrari.
13. 2007: Raikkonen per un punto.
14. La Honda si ritira!
15. 2008 Hamilton campione al secondo tentativo.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
17. 2009 BrawnGP toccata e fuga.
01. 2011 Vettel, ritratto di un bicampione del mondo
02. Sebastian Vettel, poker mondiale.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
04. Il Re è tornato.
05. Nico Rosberg, Campione e Stop
06. Lewis IV
Campioni veri?
I maghi di Monaco
Il Nuerburgring
La leggenda di Monza
La pista dei campioni
Le grandi rimonte
Primavera
Vittorie all'ultimo giro.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
07. 10 anni senza Senna.
16. 1984: Nasce una stella.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
I maghi di Monaco
La pista dei campioni
Primavera
Senna A.

Titoli Ferrari

     
01. Due volte Ascari e una Fangio
02. Hawthorn nel 1958 Hill nel 1961
03. 1964: Surtees con fortuna.
04. 1975: Lauda dopo 11 anni.
05. 1979:Il trionfo di Scheckter
06. 2000:La fine di un'incubo
07. Anno di record per la Ferrari
08. 2001:Mai così facile.
09. 2002: Dominio assoluto.
10. 2003: Schumi, 6 leggendario!
11. 2007: Raikkonen per un punto.
     


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019