Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti


Sebastian Vettel, ritratto di un bicampione del mondo.

I modi, solo apparentemente pacati, del tedesco Sebastian Vettel celano in realtà una chiara sete di vittorie. È per questo motivo che il due volte campione del mondo, appena confermatosi dopo il primo trionfo del 2010, non solo è già titolare di diversi record di precocità ma è anche considerato dagli addetti ai lavori l’erede del grande Michael Schumacher. Andiamo a scoprirne la carriera.

Nato a Heppenheim il 3 luglio 1987, Vettel inizia a gareggiare con i kart nel 1995 vincendo numerosi titoli, e tra questi il Junior Monaco Kart Cup (2001). Nel 2003 passa alle monoposto scoperte dominando il campionato tedesco di Formula BMW 2004 con 18 vittorie su 20 gare (risultato a cui bisogna aggiungere 15 pole position, 16 giri più veloci e 387 punti conquistati su un massimo di 400).

Ulteriori buone prove in altre formule – la F3 Euroseries (dove viene riconosciuto matricola dell’anno nel 2005) e la World Series by Renault – convincono la BMW a far svolgere a Vettel alcuni test sulla vettura di F1 per poi, quando Villeneuve viene rimpiazzato da Kubica, promuoverlo collaudatore del venerdì dei GP nelle ultime cinque gare del 2006.

A Istanbul, all’età di 19 anni e 53 giorni, diventa il più giovane pilota della storia a prendere parte a un fine settimana del circus e impressiona tutti piazzando il tempo migliore di FP2. Ma prima ecco un altro record di precocità: quello della multa più veloce della storia (1.000 dollari) dopo appena nove secondi di carriera in F1. Motivo? Ovviamente il non aver rallentato in corsia box.

Confermato per il 2007, il tedesco continua a correre nella World Series by Renault e ottiene la prima vittoria al Nurburgring. Il debutto in una gara di F1 porta la data del 17 giugno quando rimpiazza a Indianapolis Kubica, vittima di un terribile incidente a Montreal. Il suo primo GP è più che positivo e si chiude con l’ottavo posto. A 19 anni e 345 giorni Vettel diventa il driver più giovane a essere mai arrivato a punti ed entra nel ristretto gruppo di piloti che ci sono riusciti nella gara d’esordio.

A partire dal GP d’Ungheria, 11/o appuntamento del 2007, Vettel sostituisce Speed e gareggia da titolare per la Scuderia Toro Rosso. Sotto la piaggia torrenziale del GP del Giappone è tra i candidati al podio, ma un incidente in regime di safety car con Webber lo mette ko. Già nella gara successiva in Cina il giovane pilota tedesco si prende la sua rivincita, arrivando quarto.

La consacrazione arriva nel 2008: dopo un avvio non proprio brillante (4 ritiri nei primi 5 GP), conquista i primi punti a Montecarlo arrivando 5/o. Si piazza in posizione utile anche in Canada e Germania (due 8/i posti), a Valencia (6/o) e nel Gp del Belgio (5/o). Il primo sigillo arriva poco dopo: il 13 settembre a Monza, a 21 anni e 72 giorni, diventa il poleman più giovane e il giorno successivo il più giovane vincitore di un GP. In quest’occasione Vettel, Kovalainen e Kubica formano il più giovane podio della storia della F1.

Nel frattempo, per via del ritiro di David Coulthard, Vettel era già stato promosso alla Red Bull come titolare per il mondiale 2009 . I migliori piazzamenti della stagione sono un 5/o posto nell’edizione inaugurale del GP di Singapore (il primo in notturna della storia), un 6/o in Giappone e un 4/o in Brasile. Alla fine il suo bottino complessivo è di 35 punti, che gli valgono l’ottavo posto assoluto.

L’anno del suo approdo a Milton Keynes centra 4 successi (Shanghai, Silverstone, Suzuka e Abu Dhabi), 2 secondi posti (Sakhir e Nurburgring) e 2 gradini più bassi del podio (Istanbul e Spa-Francorchamps), raccoglie 84 punti e chiude alle spalle del campione del mondo Jenson Button (BrawnGP). È solo il preludio al trionfo: il 14 novembre 2010, dal ‘basso’ dei sui 23 anni e 134 giorni, diventa l’iridato più giovane della storia della F1, togliendo il primato a Lewis Hamilton (23 anni e 301 giorni nel 2008).

Il titolo, acciuffato proprio all’ultimo GP ai danni di Fernando Alonso e Mark Webber e ottenuto senza mai aver trascorso un solo giorno della propria carriera in vetta alla classifica, si materializza grazie in particolare a 5 vittorie (Sepang, Valencia, Suzuka, Interlagos e, appunto, Abu Dhabi), 2 secondi (Montecarlo e Spa-Francorchamps) e 3 terzi posti (Montmelò, Hockenheim e Hungaroring). Totale: 10 podi su 19 gare disputate e 256 punti.

Ma non finisce qui, il 9 ottobre 2011, dopo una stagione strepitosa, si riconferma iridato con quattro gare di anticipo. Ci riesce grazie a un ruolino di marcia impressionante: 9 vittorie, 4 secondi, 1 terzo e un quarto posto, senza dimenticare le 12 pole nei primi 15 appuntamenti.
Al termine della stagione le vittorie saranno 11 e le pole 15 su 19 gare. E' il più giovane bi-campione del mondo e la sua storia è appena iniziata..

 



Altre storie
Fino al 1950. 1950 - 1960. 1970 - 1980.

1990 - 2000.

1. Il primo gran premio
2. Frecce d'argento
3. Nuvolari umilia Hitler.
4. L'ultima gara di Nuvolari.

01. Nasce il mondiale di F.1
02. Una gara memorabile.
03. Ritorna la Mercedes!
04. Tragedia a Le Mans.
05. Il sacrificio di Collins
06. Arrivano gli inglesi.
07. La nuova generazione.
08. Il dominio inglese
09. L'era di Clark
10. La Brabham
11. Bandini: il più amato
12. Addio Jim!
01. 1970: un anno da ricordare.
02. La tragedia di Rindt.
03. La Lotus 72.
04. La sorpresa Tyrrell.
05. Il litigio di Fittipaldi.
06. Il dramma di Williamson
07. Riscossa Ferrari.
08. Wing-car (1)
09. Wing-car (2)
10. La febbre Villeneuve.
11. Il turbo.
12. Ricordo di Depailler.
13. La corsa dei campioni.
14. Gilles: l'ultimo mito.
15. Elio de Angelis.
16. 1984: Nasce una stella.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. L'ultima di Berger
04. Tragedia a Monza.
05. Cooper e Hayes.

2000 - 2010

2010 - 2020

Varie.

Speciale Senna.

01. 2001 e i record di Schumacher.
02. 2001: L'ultima di Hakkinen.
03. 2002: Dominio assoluto.
04. La fine dell' Arrows.
05.Schumi, 6 leggendario!
06. Biografia di un campione.
07. 10 anni senza Senna.
08. Minardi.
09. 2005 Alonso nuovo fenomeno.
10. 2006 Schumacher 16 anni da Re
11. 2006 Alonso si conferma fenomeno.
12. 2007 Spy story ai danni della Ferrari.
13. 2007: Raikkonen per un punto.
14. La Honda si ritira!
15. 2008 Hamilton campione al secondo tentativo.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
17. 2009 BrawnGP toccata e fuga.
01. 2011 Vettel, ritratto di un bicampione del mondo
02. Sebastian Vettel, poker mondiale.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
04. Il Re è tornato.
05. Nico Rosberg, Campione e Stop
06. Lewis IV
Campioni veri?
I maghi di Monaco
Il Nuerburgring
La leggenda di Monza
La pista dei campioni
Le grandi rimonte
Primavera
Vittorie all'ultimo giro.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
07. 10 anni senza Senna.
16. 1984: Nasce una stella.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
I maghi di Monaco
La pista dei campioni
Primavera
Senna A.

Titoli Ferrari

     
01. Due volte Ascari e una Fangio
02. Hawthorn nel 1958 Hill nel 1961
03. 1964: Surtees con fortuna.
04. 1975: Lauda dopo 11 anni.
05. 1979:Il trionfo di Scheckter
06. 2000:La fine di un'incubo
07. Anno di record per la Ferrari
08. 2001:Mai così facile.
09. 2002: Dominio assoluto.
10. 2003: Schumi, 6 leggendario!
11. 2007: Raikkonen per un punto.
     


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019