Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti


L'era di Clark.

Jimmy Clark, dopo aver sfiorato nella sua seconda stagione di gara la vetta del Campionato del Mondo, sente che il titolo mondiale è alla sua portata e che il suo momento sta per arrivare. La Lotus 25 è più o meno la stessa dell'anno precedente, con solo qualche piccola modifica che ne ha aumentato l'affidabilità. Il suo motore Climax V8 è stato ulteriormente migliorato, soprattutto per quanto riguarda l'elasticità. Alla Lotus c'è trepidazione per l'inizio della nuova stagione. La Porsche, nonostante i buoni risultati fin qui ottenuti, decide di ritirarsi dalla Formula 1. John Surtees viene messo sotto contratto dalla Ferrari, mentre Gurney passa alla Brabham. La prima gara della stagione si tiene ancora una volta a Monaco. Nonostante le veloci partenze di Hill e del suo suo compagno di squadra nella BRM, Ginther, Clark passa presto al comando. Dopo aver momentaneamente ceduto la seconda posizione a Surtees, Hill si trova in testa grazie al fatto che Surtees deve fermarsi ai box a cambiare gli occhiali e Clark spacca il cambio e si gira in testacoda all'altezza del gasometro senza poter più continuare la gara. Il Gran Premio successivo a SPA è una dimostrazione della superiorità di Clark, capace di dominare la gara sotto una pioggia torrenziale. A Zandvoort si assiste ad un'altra vittoria di Clark che termina con un giro di vantaggio sul secondo arrivato. Vince per la terza volta con il Gran Premio di Francia a Reims e con Brands Hatch, Clark centra il quarto successo consecutivo. Surtees riesce finalmente a interrompere la corsa del rullo compressore Clark con una meritatissima vittoria al Nurburgring, la prima di questo pilota sulle quattro ruote. Per Monza, sia la Ferrari che la BRM montano un nuovo telaio a monoscocca. La Ferrari di Surtees scatta in testa, ma cade poi vittima della rottura di una valvola. Clark allora passa al comando anche se sotto la continua minaccia sia di Hill che di Gurney. A questo punto i suoi due più diretti avversari vengono fermati da problemi meccanici. Clark può chiudere così in scioltezza con un'altra vittoria e conquistare il Campionato del Mondo con tre gare d'anticipo. Delle ultime tre Clark se ne aggiudica due, facendo salire il proprio bottino a sette vittorie su dieci. Il 1964 si profila come un ulteriore anno di battaglia fra Clark e Hill, in casa Ferrari c'é grande eccitazione poiché la scuderia di Maranello torna ad essere una squadra con la quale fare i conti. I piloti delle rosse devono però superare l'ostacolo della 24 ore di Le Mans: come spiega Surtees, fino a quel momento non ci si può dedicare ad altro, anche correndo il rischio di trascurare così la preparazione dei Gran Premi di Formula 1. La prima gara stagionale è ancora a Monaco dove Clark prima conquista la pole position e poi è costretto al ritiro. Graham Hill e il suo compagno Ginther conquistano i due gradini più alti del podio, una bellissima doppietta per la BRM. Clark invece vince le due gare successive a Zandvoort e SPA. Alla partenza del Gran Premio di Francia, Clark viene affiancato da Surtees in prima fila, ma poi è Dan Gurney, passato alla Brabham, che arriva primo sul traguardo davanti a Hill. Al Gran Premio di Gran Bretagna la pole position è sempre di Clark, questa volta affiancato da Hill. La gara termina rispettando l'ordine di partenza. Surtees sente che la sua Ferrari sta diventando sempre più competitiva e che non può lasciare Clark e Hill liberi di fare il loro gioco. Il Nurburgring potrebbe essere la sua grande occasione. Ritornando sul suo circuito preferito, scenario l'anno precedente della sua prima vittoria assoluta, Surtees conquista la pole position. Prima di essere costretto al ritiro per problemi meccanici, è però Clark a balzare al comando. A questo punto Surtees, passato in testa, mantiene la posizione fino all'ultimo. Vincendo per la seconda volta consecutiva la gara più difficile del calendario, Surtees dimostra di essere, almeno nella prima parte della sua carriera, un pilota di altissimo livello. A Zeltweg in Austria i primi tre nella classifica generale partono davanti, eppure la vittoria va al compagno di squadra di Surtees, Lorenzo Bandini. Sfortunatamente per il pilota italiano questa è l'unica vittoria di rilievo della sua breve carriera. A Monza, in un tripudio di festeggiamenti, dominano Surtees e la Ferrari. La corsa al titolo mondiale si inasprisce quando Hill vince a Watkins Glen nella gara successiva. A differenza dell'anno precedente il titolo questa volta verrà assegnato nell'ultima prova. Alla vigilia dell'ultimo Gran Premio in Messico, Hill comanda la classifica generale con 39 punti, seguono Surtees con 34 punti e Clark con 30. Clark parte in pole position e guadagna subito la testa della corsa mentre Hill e Surtees cominciano male, scivolando rispettivamente in decima e tredicesima posizione. In seguito, Hill riesce a rimontare fino alla terza e Surtees fino alla quinta. Tutto quello che Hill deve fare è tenersi lontano dai guai ma la sfortuna è dietro l'angolo. Bandini tenta di tutto per passarlo e quando Hill sembra avergli lasciato lo spazio per effettuare il sorpasso, il pilota italiano si butta all'interno con una manovra azzardata, obbligando Hill a uscire di pista e a finire contro il guardrail. Hill riesce a tornare in corsa, ma dopo aver perso due giri. Con il ritiro di Clark per problemi al motore, è Bandini che lasciando passare il suo compagno di squadra Surtees, permette a quest'ultimo di vincere il Gran Premio e il Campionato del Mondo. Surtees aggiunge un titolo automobilistico ai sette titoli già conquistati sulle due ruote. Per l'ultimo anno che prevede l'utilizzo di motori 1500 cc. in F1, la Lotus e la Brabham adottano lo stesso propulsore: il Coventry-Climax V8 a 32 valvole. La Lotus, con la Type 33, presenta una nuova auto con telaio monoscocca mentre la Brabham continua ad utilizzare il rodato telaio tubolare. Clark e Chapman, delusi per aver perso il campionato l'anno precedente nonostante le molte vittorie di gara, sono più determinati che mai. La Ferrari affida la difesa del titolo appena conquistato al suo nuovo motore a 12 cilindri in linea. Sfortunatamente questo motore non si rivelerà all'altezza delle aspettative. Alle scuderie sopra citate si aggiunge la Honda, alla sua seconda stagione, le cui vetture sono guidate dai piloti americani Richie Ginther e Ronnie Bucknum. Il loro motore V12 montato trasversalmente diventa presto il primo della classe. La BRM ingaggia come secondo pilota al fianco di Graham Hill, lo scozzese Jackie Stewart, al suo esordio in pista La Cooper non é più una scuderia di punta sebbene sia Bruce McLaren che il nuovo acquisto Jochen Rindt siano entrambi ancora in grado di infastidire le grandi squadre. La stagione comincia con il Sud Africa che ospita la gara di debutto; una gara dominata da Clark su Lotus, davanti a Surtees e Hill. Il Gran Premio successivo, quello di Monaco, si corre senza Clark che è impegnato a Indianapolis. Qui vince su una Lotus 38 motorizzata American Ford. L'alleanza fra la Lotus e il colosso americano avrà notevoli conseguenze nell'immediato futuro della Formula 1. Il Gran Premio di Monaco viene vinto, per la terza volta consecutiva, dal rivale di Clark, Graham Hill su BRM. Clark ritorna per la gara di SPA e vince sul bagnato davanti alla rivelazione dell'anno Jackie Stewart. Clark e Stewart si ripetono al Gran Premio di Francia. I Gran Premi di Gran Bretagna, Olanda e Germania sono preda di Clark che sta sfidando ogni record. Dopo le prime sei gare della stagione Clark, a punteggio pieno, può già festeggiare la vittoria del Campionato del Mondo. Solo quando Clark è assente o in difficoltà per problemi meccanici ci sono speranze per i suoi contendenti: la rottura della pompa della benzina ha permesso a Stewart di vincere nella sua stagione d'esordio, mentre Hill deve la sua vittoria ad una rottura del motore. Clark è al di sopra di tutti, un talento naturale che non è mai stato né forse sarà mai eguagliato. L'ultima gara della stagione viene disputata all'autodromo Magdalena Mixhuca di Città del Messico. L'altitudine del circuito ha sempre creato grossi problemi alle squadre partecipanti, ma la Honda sembra avvantaggiarsene, arrivando a vincere per la prima volta con Richie Ginther. Significativamente questo é anche il primo successo delle gomme Goodyear.

Tradotto da: www.ddavid.com.


Video del periodo.

Altre storie
Fino al 1950. 1950 - 1960. 1970 - 1980.

1990 - 2000.

1. Il primo gran premio
2. Frecce d'argento
3. Nuvolari umilia Hitler.
4. L'ultima gara di Nuvolari.

01. Nasce il mondiale di F.1
02. Una gara memorabile.
03. Ritorna la Mercedes!
04. Tragedia a Le Mans.
05. Il sacrificio di Collins
06. Arrivano gli inglesi.
07. La nuova generazione.
08. Il dominio inglese
09. L'era di Clark
10. La Brabham
11. Bandini: il più amato
12. Addio Jim!
01. 1970: un anno da ricordare.
02. La tragedia di Rindt.
03. La Lotus 72.
04. La sorpresa Tyrrell.
05. Il litigio di Fittipaldi.
06. Il dramma di Williamson
07. Riscossa Ferrari.
08. Wing-car (1)
09. Wing-car (2)
10. La febbre Villeneuve.
11. Il turbo.
12. Ricordo di Depailler.
13. La corsa dei campioni.
14. Gilles: l'ultimo mito.
15. Elio de Angelis.
16. 1984: Nasce una stella.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. L'ultima di Berger
04. Tragedia a Monza.
05. Cooper e Hayes.

2000 - 2010

2010 - 2020

Varie.

Speciale Senna.

01. 2001 e i record di Schumacher.
02. 2001: L'ultima di Hakkinen.
03. 2002: Dominio assoluto.
04. La fine dell' Arrows.
05.Schumi, 6 leggendario!
06. Biografia di un campione.
07. 10 anni senza Senna.
08. Minardi.
09. 2005 Alonso nuovo fenomeno.
10. 2006 Schumacher 16 anni da Re
11. 2006 Alonso si conferma fenomeno.
12. 2007 Spy story ai danni della Ferrari.
13. 2007: Raikkonen per un punto.
14. La Honda si ritira!
15. 2008 Hamilton campione al secondo tentativo.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
17. 2009 BrawnGP toccata e fuga.
01. 2011 Vettel, ritratto di un bicampione del mondo
02. Sebastian Vettel, poker mondiale.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
04. Il Re è tornato.
05. Nico Rosberg, Campione e Stop
06. Lewis IV
Campioni veri?
I maghi di Monaco
Il Nuerburgring
La leggenda di Monza
La pista dei campioni
Le grandi rimonte
Primavera
Vittorie all'ultimo giro.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
07. 10 anni senza Senna.
16. 1984: Nasce una stella.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
I maghi di Monaco
La pista dei campioni
Primavera
Senna A.

Titoli Ferrari

     
01. Due volte Ascari e una Fangio
02. Hawthorn nel 1958 Hill nel 1961
03. 1964: Surtees con fortuna.
04. 1975: Lauda dopo 11 anni.
05. 1979:Il trionfo di Scheckter
06. 2000:La fine di un'incubo
07. Anno di record per la Ferrari
08. 2001:Mai così facile.
09. 2002: Dominio assoluto.
10. 2003: Schumi, 6 leggendario!
11. 2007: Raikkonen per un punto.
     


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019