Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti


Una gara memorabile.

Mike Hawthorn è il primo pilota inglese ad entrare in una squadra non britannica dopo Richard Seaman, che nel 1937 gareggiò per la Mercedes. Molti si chiedono se questo giovane pilota, che non guida una monoposto da un anno e mezzo, sia all'altezza della situazione. Non tarderanno molto ad avere una risposta.
Il circuito di Reims, dove si disputa il Gran Premio di Francia del 1953, ricorda per forma un triangolo rovesciato. Due vertici di questo triangolo di 8,3 km finiscono in tornanti e il terzo in una grande curva veloce. Il lungo rettilineo è ricavato dalla strada principale che porta a Soissons.
Tutti aspettano con trepidazione l'ennesimo duello della stagione tra Fangio e Ascari, per la conquista del titolo.
In pole position c'è Ascari. Fangio e l'amico argentino Gonzalez, sulle Maserati, sono in seconda fila. In terza c'è Hawthorn su Ferrari. Gonzalez ha un ottimo spunto in partenza, che dalla seconda fila lo porta in testa. Gonzalez, soprannominato il Toro della Pampa, distacca con decisione gli inseguitori, anche per il fatto di essere partito con il serbatoio mezzo vuoto. Lo seguono nell'ordine: Ascari, Villoresi, Fangio, Hawthorn, Bonetto, Marimon e Farina. Al 20° giro, ovvero ad un terzo della gara, ha già consolidato un vantaggio di venti secondi, ma presto dovrà fermarsi per fare rifornimento. Al 29° giro infatti si precipita ai box. Immediatamente la squadra dei meccanici entra in azione ma, nonostante l'impegno, la sosta dura ben 27 secondi, facendo precipitare Gonzalez dal primo al sesto posto.
Hawthorn adesso è in testa alla gara, subito incalzato da Ascari e Fangio. Poi è Fangio in prima posizione, seguito da Hawthorn e Ascari. Dopo poco sono proprio Fangio e Hawthorn a staccarsi dal gruppo andando in fuga.
Giro dopo giro duellano instancabilmente, testa a testa, impegnandosi in paurose frenate prima delle curve. La folla è in delirio e può vedere la faccia di Hawthorn indirizzare una smorfia di sfida al pilota argentino quando sfrecciano fianco a fianco sul rettilineo davanti agli spalti. Fangio le prova tutte per seminare il giovane avversario, ma senza risultato. Dietro i due, Gonzalez sta correndo come non ha mai fatto prima e presto supera Ascari guadagnando la terza posizione. Guidando rannicchiato sul volante sembra letteralmente spingere in avanti la sua auto, per colmare la distanza fra lui e il duo in testa. Anche Ascari sta dando tutto sé stesso.
Mentre stanno lottando colpo su colpo Hawthorn e Fangio si trovano davanti, proprio all'imbocco della curva dopo i box, la monoposto di un pilota da doppiare. In questo punto non ci sarebbe spazio per il doppiaggio, ma con un comportamento di guida assolutamente mai visto prima, Hawthorn non frena, anzi spinge il suo mezzo al massimo: con due ruote nel prato lui e Fangio tagliano la curva, sorpassano la monoposto e riprendono la sfida.
Alla notizia dell'episodio la folla esplode in un boato di approvazione. Fangio, sfruttando tutta la sua esperienza, si apre un varco e sorpassa Hawthorn, guadagnando il comando durante l'ultimo giro. Hawthorn però non è ancora sconfitto. Tenta più volte di sorpassare a sua volta ma senza riuscirci. Il tempo stringe e all'ultimo giro Fangio è ancora in testa con una lunghezza di vantaggio. Al momento di entrare nell'ultima curva Hawthorn si fa ancora sotto. Frena all'ultimo istante affrontandola con una traiettoria insolita. Questo gli permette di sorpassare in uscita la Maserati di Fangio. Hawthorn riesce a mantenere l'auto in pista e taglia il traguardo con un secondo di vantaggio su Fangio, dopo 494 km e 2 ore e 44 min. di corsa.
Alla fine il distacco tra il primo ed il quarto classificato sarà soltanto di 4,6 secondi e la sequenza Ferrari- Maserati-Ferrari- Maserati, conclude la più grande corsa del secolo.
Hawthorn è riuscito a battere, in questo giorno memorabile e in un duello leale, uno dei migliori piloti di tutti i tempi.
Quella sera nel bar dell'hotel Welcome si brinda in onore del giovane ed esuberante pilota inglese.
Con questa vittoria diventa il primo corridore inglese a vincere un Gran Premio da quando Richard Seaman vinse il Gran Premio di Germania nel lontano 1938.

Tradotto da: www.ddavid.com.


Video del periodo.

Altre storie
Fino al 1950. 1950 - 1960. 1970 - 1980.

1990 - 2000.

1. Il primo gran premio
2. Frecce d'argento
3. Nuvolari umilia Hitler.
4. L'ultima gara di Nuvolari.

01. Nasce il mondiale di F.1
02. Una gara memorabile.
03. Ritorna la Mercedes!
04. Tragedia a Le Mans.
05. Il sacrificio di Collins
06. Arrivano gli inglesi.
07. La nuova generazione.
08. Il dominio inglese
09. L'era di Clark
10. La Brabham
11. Bandini: il più amato
12. Addio Jim!
01. 1970: un anno da ricordare.
02. La tragedia di Rindt.
03. La Lotus 72.
04. La sorpresa Tyrrell.
05. Il litigio di Fittipaldi.
06. Il dramma di Williamson
07. Riscossa Ferrari.
08. Wing-car (1)
09. Wing-car (2)
10. La febbre Villeneuve.
11. Il turbo.
12. Ricordo di Depailler.
13. La corsa dei campioni.
14. Gilles: l'ultimo mito.
15. Elio de Angelis.
16. 1984: Nasce una stella.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. L'ultima di Berger
04. Tragedia a Monza.
05. Cooper e Hayes.

2000 - 2010

2010 - 2020

Varie.

Speciale Senna.

01. 2001 e i record di Schumacher.
02. 2001: L'ultima di Hakkinen.
03. 2002: Dominio assoluto.
04. La fine dell' Arrows.
05.Schumi, 6 leggendario!
06. Biografia di un campione.
07. 10 anni senza Senna.
08. Minardi.
09. 2005 Alonso nuovo fenomeno.
10. 2006 Schumacher 16 anni da Re
11. 2006 Alonso si conferma fenomeno.
12. 2007 Spy story ai danni della Ferrari.
13. 2007: Raikkonen per un punto.
14. La Honda si ritira!
15. 2008 Hamilton campione al secondo tentativo.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
17. 2009 BrawnGP toccata e fuga.
01. 2011 Vettel, ritratto di un bicampione del mondo
02. Sebastian Vettel, poker mondiale.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
04. Il Re è tornato.
05. Nico Rosberg, Campione e Stop
06. Lewis IV
Campioni veri?
I maghi di Monaco
Il Nuerburgring
La leggenda di Monza
La pista dei campioni
Le grandi rimonte
Primavera
Vittorie all'ultimo giro.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
07. 10 anni senza Senna.
16. 1984: Nasce una stella.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
I maghi di Monaco
La pista dei campioni
Primavera
Senna A.

Titoli Ferrari

     
01. Due volte Ascari e una Fangio
02. Hawthorn nel 1958 Hill nel 1961
03. 1964: Surtees con fortuna.
04. 1975: Lauda dopo 11 anni.
05. 1979:Il trionfo di Scheckter
06. 2000:La fine di un'incubo
07. Anno di record per la Ferrari
08. 2001:Mai così facile.
09. 2002: Dominio assoluto.
10. 2003: Schumi, 6 leggendario!
11. 2007: Raikkonen per un punto.
     


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019