Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti


Riscossa Ferrari.

Lauda porta alla Ferrari nuova forza ed insieme alla comparsa del giovane avvocato Luca di Montezemolo alla guida della squadra di F1, sembra che la sorte finalmente decida di sorridere anche alla Ferrari. Ironia della sorte, all'inizio è Regazzoni ad essere considerato il pilota di punta della scuderia, ma Lauda si mette al lavoro con grande impegno. Dopo aver preso dimora all'Hotel Canal Grande di Modena, passa giornate intere a provare e a lavorare con gli ingegneri e i meccanici per migliorare le prestazioni della Ferrari 312B3. I principali rivali della Ferrari sono la McLaren M23s di Emerson Fittipaldi e Denny Hulme, la Lotus di Ronnie Peterson, la Brabham guidata da Carlos Reutemann e la Tyrell del sudafricano Jody Scheckter. La McLaren tira al massimo e vince in Argentina per mano di Denny Hulme. In Brasile è il turno del compagno di squadra di Fittipaldi, in lotta contro Ronnie Peterson finché una foratura mette fine alla corsa del pilota svedese. Anche se la McLaren riesce a conquistare il primo posto nei primi due gran premi, appare chiaro a tutti che presto si sentirà parlare delle Ferrari di Regazzoni e Lauda. Nel frattempo, con la vittoria di Carlos Reutemann in Sud Africa la Brabham dimostra che non può essere tenuta fuori dai giochi. A Jarma, Spagna, la Ferrari torna al vertice con Niki Lauda vincente. Seguono nell'ordine il Gran Premio di Francia che quest'anno si corre a Nivelles, vinto da Fittipaldi; Monaco che incorona Peterson ed il GP di Svezia che va a Scheckter. La corsa al Campionato è a questo punto aperta ad un ampio numero di piloti, ma saranno l'affidabilità della McLaren e di Fittipaldi a fare la differenza. Lauda e Regazzoni ottengono una buona doppietta al Gran Premio d'Olanda mentre Scheckter rientra nella cerchia dei vincitori al Brands Hatch. Regazzoni esce vittorioso al Nurburgring mentre Lauda non riesce a finire il primo giro a causa di un errore. Reutemann vince la seconda volta all'Österreichring e Peterson vince a Monza. Il Campionato si sposta infine nel Nordamerica e Fittipaldi diventa il primo pilota a vincere per ben tre volte su questo circuito. La lotta per il titolo è ormai tra Fittipaldi e Regazzoni ma con un quarto posto a Watkins Glen, gara vinta da Reutemann, il Brasiliano si laurea due volte Campione del Mondo poiché Regazzoni non riesce a tenere l'andatura a causa di problemi meccanici. La McLaren vince anche il Mondiale Costruttori ma la Ferrari fa presagire che gli anni a venire la vedranno grande protagonista. Nel 1975 la Ferrari riconquista i vertici della Formula 1, dopo ben 11 anni sia il Mondiale Costruttori che il Mondiale Piloti tornano nelle loro mani grazie ad un pilota austriaco che inizialmente aveva dovuto comprarsi la possibilità di entrare in Formula 1. Niki Lauda deve vincere cinque gare per trionfare sul campione dell'anno precedente, Emerson Fittipaldi. La stagione inizia con una sorpresa quando Jean-Pierre Jarier a bordo di una Shadow parte in pole position nel primo Gran Premio. La corsa diventa più una questione di forma, con Fittipaldi che toglie il comando alla Hesketh di Hunt e vola via fino al traguardo. E se una volta non basta, anche Jarier parte in pole position sulla pista brasiliana, ma solo per vedere la stella locale Carlos Pace agguantare una meritata vittoria.. Al Gran Premio del Sud Africa la Ferrari sostituisce la 312B3 con la 312T ("T " sta per scatola del cambio montata trasversalmente). Carlos Reutemann riesce a piazzare la propria Brabham in prima fila ma, nuovamente, la gara viene vinta da un pilota locale, Jody Scheckter su Tyrrell. A Montjuich in Spagna, entrambe le Ferrari partono dalla prima fila ma la corsa si trasforma in tragedia quando l'alettone posteriore si stacca da una vettura in testa della corsa causando un incidente che toglie la vita a numerosi spettatori. La corsa viene subito annullata e Jochen Mass viene dichiarato vincitore anche se gli assegnano solo la metà dei punti dovuti per tale vittoria. A questo punto Lauda prende il sopravvento e vince 4 delle 5 gare successive, tra cui Monaco, Zolder, Anderstorp e Paul Richard. Solamente la vittoria di Hunt in Olanda mette fine alla irrefrenabile corsa di Lauda verso il titolo. La gara di Silverstone è rovinata da incidenti e viene vinta da Emerson Fittipaldi. Reutemann ottiene una vittoria in Germania ma la tragedia è nuovamente dietro l'angolo ed il GP d'Austria è segnato dall'incidente che coinvolge l'americano Mark Donahue durante le prove, provocandogli gravi ferite. La gara, accorciata a causa della pioggia viene vinta da Vittorio Brambilla su una March. Con un terzo posto a Monza, Lauda guadagna il suo primi titolo di Campione del Mondo mentre il suo compagno di squadra ottiene la prima vittoria dell'anno. L'ultima corsa della stagione si svolge al Watkins Glen e vede Lauda festeggiare il proprio titolo con un'ulteriore vittoria. Nel mese di novembre Graham Hill da poco ritiratosi dalle corse dopo una leggendaria carriera, muore in un incidente aereo con altri membri della sua squadra tra cui il promettente Tony Brise. Il ritiro e la morte di Hill segnano la fine di un'era. L'anno successivo, il 1976, inizia con una serie di novità. La stagione di gara viene allungata e le corse diventano sedici. Emerson Fittipaldi, due volte campione del mondo, lascia la McLaren e raggiunge il fratello alla Copersucar. James Hunt, che si trova senza squadra quando Lord Hesketh decide di lasciare la Formula 1, viene ingaggiato per sostituire il brasiliano. Quello che rimane del team Hesketh viene rilevato da Frank Williams il quale, insieme al socio, il petroliere austro-canadese Walter Wolf, intende partecipare alla nuova stagione. Dal lato tecnico, la Tyrrell presenta una vettura a sei ruote, la P34, con quattro piccole ruote motrici, mentre la Brabham utilizza motori Alfa Romeo. La Lotus sta ancora combattendo con la Type 77. Ickx lascia per andare alla Wolf-Williams e Mario Andretti prende il suo posto. Le prime due gare, Brasile e Sud Africa, vengono entrambe vinte da Lauda per la Ferrari. Il Gran Premio del Sud Africa vede James Hunt in partenza dalla pole position. Peterson non ne può più di stare alla Lotus, e poiché il suo rapporto con Chapman va deteriorandosi sempre più, decide di lasciare per tornare alla March. Un secondo Gran Premio degli Stati Uniti viene aggiunto e si tiene sulle strade di Long Beach, in California. Questa gara è dominata da Clay Regazzoni che parte dalla pole ed ottiene una vittoria popolare. In Spagna, la Ferrari inaugura la 312T2 e sembra quasi che debba vincere la gara quando Hunt viene squalificato e poi subito reintegrato. Lauda vince a Monaco ed in Belgio. Il Gran Premio di Svezia diventa il momento di gloria della Tyrrell a sei ruote con Jody Scheckter che porta il proprio compagno di squadra Depailler al traguardo. Hunt rende la pariglia con un'altra vittoria al Gran Premio di Francia ma poi al Brands Hatch, viene nuovamente squalificato in seguito ad una mischia iniziale che determina una seconda partenza. Questa volta i risultati sono soddisfacenti e Lauda passa dal secondo al primo posto. Lo scontro tra questi due piloti diventa il principale argomento delle chiacchiere ai box. Ognuno di loro guida per vincere ma ha personalità completamente differenti. Hunt è il playboy anticonformista conosciuto in gioventù con il soprannome "Hunt lo shunt" (dal verbo to shunt, scambiare, deviare, metter in disparte) e Lauda il serio stratega. L'unica cosa che sembra accomunarli è la velocità di guida. Il campionato si sposta in Germania ed all'impervio Nurburgring. Hunt si qualifica in pole ma Niki Lauda gli è al fianco in prima fila. Il pubblico è in attesa di quello che si prospetta come una fantastica battaglia tra i due principali contendenti al titolo. Lauda mantiene ancora un buon vantaggio ma Hunt non molla. Al secondo giro la Ferrari di Lauda scivola diagonalmente sul tracciato e va a sbattere contro le barriere di protezione ad una velocità di circa 240 km/h (150 mph). L'autovettura prende fuoco mentre sopraggiunge una macchina che va a sbatterle contro. Numerosi piloti arrivano sulla scena e riescono ad estrarre il collega dalla macchina straziata dal fuoco e dai colpi. In qualche modo, durante il cappottamento Lauda perde il casco e per questo subisce una serie di gravi scottature alla testa, al viso, alle braccia ed alle mani, anche i polmoni risulteranno seriamente danneggiati. Trasportato all'ospedale in elicottero, un prete cattolico-romano procede con l'estrema unzione. In modo sorprendente Niki riesce a riprendersi dalle ferite e ritorna a gareggiare al Gran Premio d'Italia appena 6 settimane più tardi! Hunt, intanto, vince il GP di Germania. Mentre Lauda si sta ristabilendo l'irlandese John Watson ottiene una vittoria clamorosa nel Gran Premio d'Austria all'Osterreichring e lotta ruota-contro-ruota con James Hunt a Zandvoort, prima di soccombere per problemi legati alla scatola del cambio. Lauda, con una vittoria in più, continua ad essere in testa alla classifica. Ed ecco, che per questa lunga stagione di corse arriva settembre e con esso Monza ed il Gran Premio d'Italia. A Hunt deve essere sembrato di gareggiare contro un fantasma quando vede Lauda infilarsi nuovamente nella sua Ferrari. Non ci è dato sapere se tutto questo abbia aumentato la sua tensione e se sia stato per questo che è uscito pattinando dalla gara, fatto sta che con grande coraggio Lauda riesce a finire la corsa, piazzarsi al quarto posto e guadagnare così alcuni importantissimi punti. La gara viene vinta da Ronnie Peterson su una March. Hunt con le vittorie in Canada e a Watkins Glen prepara lo scenario per l'ultimo duello al Gran Premio del Giappone. E qui Hunt si qualifica in prima fila ma la pole gli viene soffiata da Mario Andretti il quale con tanto lavoro ed una buona dose di talento riporta la Lotus dalla parte giusta della griglia di partenza. Le condizioni meteorologiche sono terribili, davvero "monsoniche". Lauda fa ancora una volta una scelta coraggiosa, per la quale verrà aspramente criticato, e si ritira dopo solamente due giri. Il pilota ribadirà che la sua vita è più importante di qualsiasi Campionato del Mondo. A Hunt basta arrivare terzo per agguantare il titolo. E' in testa ma improvvisamente deve rallentare a causa di problemi con i pneumatici e viene sorpassato da Depailler ed Andretti. Quest'ultimo sta tentando la corsa della sua vita, di lì a poco raggiunge e sorpassa la Tyrrell ed assume il comando della gara. Hunt fa un pitstop al 68° giro e rientra in gara in 5° posizione a soli quattro giri dalla fine. Tutto sembra perso finché sia Regazzoni che Jones, rispettivamente in 2° ed in 3° posizione, soffrono di problemi ai pneumatici… Hunt arriva terzo e raccoglie i punti necessari a superare Lauda e vincere il Titolo di Campione del Mondo. Andretti dà un assaggio di quello che è in grado di fare con un'emozionante vittoria davanti a Depailler sulla Tyrrell.

Tradotto da: www.ddavid.com.


Video del periodo.

Altre storie
Fino al 1950. 1950 - 1960. 1970 - 1980.

1990 - 2000.

1. Il primo gran premio
2. Frecce d'argento
3. Nuvolari umilia Hitler.
4. L'ultima gara di Nuvolari.

01. Nasce il mondiale di F.1
02. Una gara memorabile.
03. Ritorna la Mercedes!
04. Tragedia a Le Mans.
05. Il sacrificio di Collins
06. Arrivano gli inglesi.
07. La nuova generazione.
08. Il dominio inglese
09. L'era di Clark
10. La Brabham
11. Bandini: il più amato
12. Addio Jim!
01. 1970: un anno da ricordare.
02. La tragedia di Rindt.
03. La Lotus 72.
04. La sorpresa Tyrrell.
05. Il litigio di Fittipaldi.
06. Il dramma di Williamson
07. Riscossa Ferrari.
08. Wing-car (1)
09. Wing-car (2)
10. La febbre Villeneuve.
11. Il turbo.
12. Ricordo di Depailler.
13. La corsa dei campioni.
14. Gilles: l'ultimo mito.
15. Elio de Angelis.
16. 1984: Nasce una stella.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. L'ultima di Berger
04. Tragedia a Monza.
05. Cooper e Hayes.

2000 - 2010

2010 - 2020

Varie.

Speciale Senna.

01. 2001 e i record di Schumacher.
02. 2001: L'ultima di Hakkinen.
03. 2002: Dominio assoluto.
04. La fine dell' Arrows.
05.Schumi, 6 leggendario!
06. Biografia di un campione.
07. 10 anni senza Senna.
08. Minardi.
09. 2005 Alonso nuovo fenomeno.
10. 2006 Schumacher 16 anni da Re
11. 2006 Alonso si conferma fenomeno.
12. 2007 Spy story ai danni della Ferrari.
13. 2007: Raikkonen per un punto.
14. La Honda si ritira!
15. 2008 Hamilton campione al secondo tentativo.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
17. 2009 BrawnGP toccata e fuga.
01. 2011 Vettel, ritratto di un bicampione del mondo
02. Sebastian Vettel, poker mondiale.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
04. Il Re è tornato.
05. Nico Rosberg, Campione e Stop
06. Lewis IV
Campioni veri?
I maghi di Monaco
Il Nuerburgring
La leggenda di Monza
La pista dei campioni
Le grandi rimonte
Primavera
Vittorie all'ultimo giro.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
07. 10 anni senza Senna.
16. 1984: Nasce una stella.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
I maghi di Monaco
La pista dei campioni
Primavera
Senna A.

Titoli Ferrari

     
01. Due volte Ascari e una Fangio
02. Hawthorn nel 1958 Hill nel 1961
03. 1964: Surtees con fortuna.
04. 1975: Lauda dopo 11 anni.
05. 1979:Il trionfo di Scheckter
06. 2000:La fine di un'incubo
07. Anno di record per la Ferrari
08. 2001:Mai così facile.
09. 2002: Dominio assoluto.
10. 2003: Schumi, 6 leggendario!
11. 2007: Raikkonen per un punto.
     


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019