Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti


Ritorna la Mercedes.

Rimessasi in sesto dopo la fine della guerra, la Mercedes inizia a pianificare il proprio ritorno sui circuiti. Neubauer si impegna molto nella ricerca di macchine da corsa ancora funzionanti fra quelle rimaste nascoste durante la guerra. I risultati ottenuti dalla Mercedes nel tentativo di modificare queste vetture sono però piuttosto incerti. Di qui la necessità di costruirne di nuove. Il modo più economico per farlo sembra essere quello di convertire un'auto da granturismo in veicolo da competizione e la macchina prescelta, realizzata con materiali di recupero, è la 300 SL. Una delle sue caratteristiche più peculiari sono le portiere. Il telaio tubolare dell'auto rende impossibile l'uso di portiere tradizionali e, dopo attenti studi, viene adottato un siW196stema di apertura verticale. Non appena le prime foto del nuovo modello vengono pubblicate negli Stati Uniti i commentatori fanno notare che con le portiere aperte l'auto ricorda un gabbiano, tanto da essere battezzata "Gullwing" (ali di gabbiano). Il debutto di queste nuove auto è la Mille Miglia. La Mercedes si presenta con tre monoposto guidate da Kling, Lang e Caracciola. Kling, il pilota di punta della Mercedes, finisce secondo. Caracciola, non del tutto ristabilito dai postumi di un incidente a Indianapolis cinque anni prima, si piazza eroicamente quarto, dopodiché guiderà un'ultima volta prima di ritirarsi definitivamente dalle corse. Caracciola, il pilota più famoso della Mercedes che Neubauer considera il più grande di sempre, continuerà a lavorare per la Daimler-Benz fino al 1959, anno della sua morte. La gara successiva è il Gran Premio di Berna, una gara accessoria al Gran Premio di Svizzera vero e proprio. Conquistando tutti i gradini del podio, la Mercedes si prepara più agguerrita che mai alla 24 ore di Le Mans. Per l'occasione la Jaguar e la Ferrari presentano nuovi modelli da corsa e la Mercedes risponde, com'è nel suo stile, con l'introduzione del tettuccio frenante. Secondo la rivista specializzata Road & Track il pilota si lancia con l'auto a tutta velocità, poi innesca il dispositivo del tettuccio frenante che "scatta nel vento con un uop!" facendo rallentare il bolide "come se la mano di un gigante l'afferrasse d'improvviso" dai 240 ai 120 km/h, in pochissimi secondi. Il congegno viene severamente testato ma non utilizzato in gara per motivi di sicurezza. La trovata del tettuccio frenante in verità ha il solo scopo di vivacizzare la vigilia della competizione e di disorientare la concorrenza. La gara ha inizio con le Mercedes particolarmente prudenti. Le Jaguar sono le prime a dover gettare la spugna. Nella seconda ora di gara tutte e tre le vetture della scuderia inglese sono fermate da problemi di surriscaldamento dei motori. Maurice TrintignantAnche le vetture della Ferrari sono vittime di guasti meccanici vari. Così, del tutto a sorpresa, si trova solo in testa Pierre Levegh, alla guida della sua Talbot. Lo seguono due Mercedes che, nonostante il distacco di tre giri completi di pista, non aumentano la velocità, mantenendosi sui 160 km/h. In breve, il vantaggio di Levegh sale a 4 giri, ma le Mercedes insistono nel mantenere il loro ritmo tranquillo. Neubauer non crede che Levegh possa portare a termine la gara, sapendo che sta gareggiando senza squadra. A solo un'ora e 15 minuti dalla fine Levegh sbaglia una marcia, rompe una biella ed è costretto al ritiro. Neubauer aveva visto giusto e le Mercedes possono concludere in scioltezza al primo e al secondo posto. Per quanto grandi siano queste auto, le 300SL sono state impiegate solo come ripiego, in attesa di una vettura da Gran Premio vera e propria. Le nuove norme applicate in Formula 1 nel 1954 determinano la presentazione di molti nuovi modelli. Un modello di particolare interesse è la Lancia D50, progettata dal rinomato ingegnere italiano Vittorio Jano. Il suo motore offset V8 è parte integrante del telaio. La D50 è dotata di serbatoi laterali esterni per mantenere la distribuzione del peso il più possibile costante con il variare del carico di carburante. Il 1954 è anche l'anno che vede l'annunciato ritorno di un modello Mercedes da Gran Premio. Le regole attuali non obbligano all'uso di ruote scoperte e la W196, con le sue ruote incluse nella sagoma della carrozzeria e linee affusolate, assomiglia molto ad una vettura da Granturismo.Mercedes W196 La W196 monta un motore a 8 cilindri inclinato di 25° rispetto la verticale, ingegnoso espediente che consente ai progettisti di disegnare una carrozzeria più affusolata e di abbassare il baricentro del mezzo. Il motore può inoltre contare sui vantaggi dell'iniezione diretta e della valvola desmodromica. Le Mercedes non sono pronte prima della terza gara della stagione, il Gran Premio di Francia. La squadra è composta da Fangio, Karl Kling e Hans Herman. I loro concorrenti più quotati sono Alberto Ascari, della scuderia Lancia ma temporaneamente su una Maserati, Gonzalez su Ferrari e Moss alla guida di una Maserati privata. Fangio e Kling si lanciano in testa alla corsa mentre l'auto di Herman in quarta posizione accusa diversi problemi al motore. Gonzalez tenta una rimonta ma i bolidi tedeschi sono assolutamente superiori e finiscono la corsa con un convincente primo e secondo posto. Fangio, con le due vittorie sulla Maserati presa in prestito a inizio stagione, è sul punto di diventare per la seconda volta Campione del Mondo.

Tradotto da: www.ddavid.com.


Video del periodo.

Altre storie
Fino al 1950. 1950 - 1960. 1970 - 1980.

1990 - 2000.

1. Il primo gran premio
2. Frecce d'argento
3. Nuvolari umilia Hitler.
4. L'ultima gara di Nuvolari.

01. Nasce il mondiale di F.1
02. Una gara memorabile.
03. Ritorna la Mercedes!
04. Tragedia a Le Mans.
05. Il sacrificio di Collins
06. Arrivano gli inglesi.
07. La nuova generazione.
08. Il dominio inglese
09. L'era di Clark
10. La Brabham
11. Bandini: il più amato
12. Addio Jim!
01. 1970: un anno da ricordare.
02. La tragedia di Rindt.
03. La Lotus 72.
04. La sorpresa Tyrrell.
05. Il litigio di Fittipaldi.
06. Il dramma di Williamson
07. Riscossa Ferrari.
08. Wing-car (1)
09. Wing-car (2)
10. La febbre Villeneuve.
11. Il turbo.
12. Ricordo di Depailler.
13. La corsa dei campioni.
14. Gilles: l'ultimo mito.
15. Elio de Angelis.
16. 1984: Nasce una stella.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. L'ultima di Berger
04. Tragedia a Monza.
05. Cooper e Hayes.

2000 - 2010

2010 - 2020

Varie.

Speciale Senna.

01. 2001 e i record di Schumacher.
02. 2001: L'ultima di Hakkinen.
03. 2002: Dominio assoluto.
04. La fine dell' Arrows.
05.Schumi, 6 leggendario!
06. Biografia di un campione.
07. 10 anni senza Senna.
08. Minardi.
09. 2005 Alonso nuovo fenomeno.
10. 2006 Schumacher 16 anni da Re
11. 2006 Alonso si conferma fenomeno.
12. 2007 Spy story ai danni della Ferrari.
13. 2007: Raikkonen per un punto.
14. La Honda si ritira!
15. 2008 Hamilton campione al secondo tentativo.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
17. 2009 BrawnGP toccata e fuga.
01. 2011 Vettel, ritratto di un bicampione del mondo
02. Sebastian Vettel, poker mondiale.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
04. Il Re è tornato.
05. Nico Rosberg, Campione e Stop
06. Lewis IV
Campioni veri?
I maghi di Monaco
Il Nuerburgring
La leggenda di Monza
La pista dei campioni
Le grandi rimonte
Primavera
Vittorie all'ultimo giro.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
07. 10 anni senza Senna.
16. 1984: Nasce una stella.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
I maghi di Monaco
La pista dei campioni
Primavera
Senna A.

Titoli Ferrari

     
01. Due volte Ascari e una Fangio
02. Hawthorn nel 1958 Hill nel 1961
03. 1964: Surtees con fortuna.
04. 1975: Lauda dopo 11 anni.
05. 1979:Il trionfo di Scheckter
06. 2000:La fine di un'incubo
07. Anno di record per la Ferrari
08. 2001:Mai così facile.
09. 2002: Dominio assoluto.
10. 2003: Schumi, 6 leggendario!
11. 2007: Raikkonen per un punto.
     


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019