Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti


Arrivano gli inglesi..

Le squadre inglesi si fanno notare sempre più frequentemente alle griglie di partenza dei Gran Premi. L'olandese Tony Vandervell esce dalla BRM, la prima e più grande scuderia britannica entrata nel frattempo in crisi, e si mette in proprio. Per le auto del suo nuovo progetto decide di adottare un motore sviluppato dalla celebre Norton Motor Cycles, mentre commissiona il disegno del telaio a Colin Chapman. Ai fratelli Charles e John Cooper, che avevano messo in piedi una fiorente attività occupandosi di auto da Formula 3, affida il compito di costruirlo e montarlo. Sarà Stirling Moss a guidare alla vittoria una di queste nuove auto al Trofeo Internazionale di Silverstone. La Ferrari e la Maserati continueranno a vincere grazie alla bravura di piloti come Fangio e Hawthorn, anche se ormai per le auto italiane i tempi sono cambiati e le rosse non riescono più a dominare in questo sport come hanno fatto dopo la seconda guerra mondiale. Il Gran Premio di Gran Bretagna del 1957 vede la partecipazione di tutte le auto delle scuderie britanniche: le tre Vanwalls guidate da Moss, Brooks e Stuart Lewis-Evans, le 2 BRM e le 3 Cooper, una delle quali guidata da Brabham. Al via Moss si lancia in testa e prende il largo, ma la sua corsa viene rallentata da diverse noie al motore. Al 26° giro, ormai rassegnato, rileva l'auto di Brooks che in quel momento si trova in nona posizione. Poi un'incredibile serie di guasti (forature, grippaggi, frizioni rotte) colpisce i primi riconsegnando a Moss la testa della gara. Quando Moss supera il traguardo la folla dà inizio a grandi festeggiamenti: il Gran Premio di Gran Bretagna è stato vinto da uno dei suoi figli. Con la Maserati che si ritira dalle corse, la stagione del 1958 prende il via senza una delle scuderie più prestigiose. La Ferrari ha un nuovo modello, la 246 Dino, per i suoi piloti Hawthorn, Collins e l'astro nascente italiano Luigi Musso. La Vanwall può contare ancora una volta su Moss, Brooks e Stuart Lewis-Evans, mentre la Cooper riconferma Brabham e Roy Salvadori. Da quest'anno una nuova norma prevede che le auto usino come carburante la benzina, invece dell'alcool o del metano. Questo comporta la necessità di alcune modifiche ai vecchi motori e la Vanwall non riesce a completare il lavoro in tempo per la gara d'apertura in Argentina. Qui Moss, alla guida di una Cooper, si ferma una volta in meno del solito ai box per guadagnare più tempo possibile, ma mette in serio pericolo la durata delle sue gomme nel finale e taglia il traguardo con i pneumatici consumati fino alle tele. Si aggiudica la gara successiva un'altra Cooper, ma questa volta pilotata da Maurice Trintignant, dopo una corsa ad eliminazione. Entrambe queste vittorie sono ottenute su Cooper private, patrocinate da Rob Walker. Tra queste due prime gare passano quattro mesi: approfittando di questo tempo Moss e Fangio partecipano ad una 500 km a Cuba. Fangio però non prenderà mai parte al via poiché viene sequestrato dai ribelli filo-castristi che stanno protestando contro la decisione del governo di sostenere finanziariamente la competizione nonostante le terribili condizioni economiche del paese. Fortunatamente verrà liberato poco dopo la conclusione della corsa, vinta da Moss. Al Gran Premio d'Olanda, che si corre sul circuito di Zandvoort, il podio è tutto britannico, con la Vanwall del vincitore Moss e le BRM di Schell e Behra. La gara successiva, il Gran Premio del Belgio a Spa, viene vinto da Tony Brooks, il cui stile di guida morbido sembra esaltare le caratteristiche di questo circuito dalle curve larghe e veloci. Con il Gran Premio di Francia si assiste al trionfo di Hawthorn, che porta la Ferrari alla prima vittoria dal 1956, ma anche alla tragedia della morte di Luigi Musso, l'ultimo dei grandi piloti italiani. La gara è anche l'ultima nella formidabile carriera di Fangio. Peter Collins all'inizio della stagione si impegna solennemente a dare tutto il proprio aiuto all'amico Hawthorn nella caccia al titolo mondiale e a Silverstone Collins ha l'occasione per dimostrarsi di parola, impegnandosi in un duello con Moss. L'auto di Moss presto è fuori uso. Collins va a vincere e il suo amico Hawthorn, finendo secondo, incamera preziosi punti. Questa amicizia ha tragicamente fine quando Collins perde la vita nella sfida con Tony Brooks al Nurburgring. Vincerà Brooks. La corsa al titolo di Campione del Mondo ora ha un terzo, serio contendente: Tony Brooks. La lotta si sposta in Portogallo. Qui Moss ha la possibilità di vincere, ma un suo errore e la sua lealtà gli sono fatali. Hawthorn riesce così a guadagnare i 6 punti di cui ha bisogno per continuare a mantenere la testa della classifica. Moss ha confuso un cartello con scritto HAW-REC (Hawthorn-record) interpretandolo HAW-REG ("tutto regolare per Hawthorn"), senza capire quindi che il suo rivale ha appena preso un altro punto dopo aver fatto registrare il giro di pista più veloce. Al termine della gara, inoltre, Moss prende le difese di Hawthorn, dopo che il pilota della Ferrari è stato accusato di aver spinto la sua auto durante la gara. Infrazione del regolamento che avrebbe procurato a Hawthorn la squalifica, se Moss non fosse intervenuto per salvarlo. Due anni dopo è Moss che si trova in una situazione simile, ma nessuno lo aiuta a scagionarsi dalle accuse. Il mondo dell'automobilismo era, nel frattempo, irrimediabilmente cambiato. L'ultimo Gran Premio si corre in Marocco. Qui Moss vince e fa suo il record del giro di pista, ma Hawthorn, finendo secondo, si laurea Campione del Mondo, primo britannico della storia, con un solo punto di vantaggio su Moss. Verso la fine della gara Lewis-Evans esce di pista e la sua Vanwall prende fuoco. Il pilota riesce a divincolarsi dai rottami, ma senza liberarsi del tutto dalle fiamme. In preda al panico scappa dai soccorritori e sei giorni più tardi muore per le gravi ustioni riportate. Hawthorn si ritirerà dalle corse in dicembre… e morirà in un incidente d'auto il gennaio successivo. L'automobilismo è uno sport pericoloso e sempre lo sarà. Non si può negare che la possibilità di ferirsi o di morire sia sempre in agguato, ma non dobbiamo permettere che questa nostra consapevolezza ci renda cinici. I piloti di un tempo erano più uniti fra loro di quanto non lo siano oggi ed erano sempre molto scossi per la morte di un compagno. Noi appassionati dovremmo gioire per la bravura e il coraggio dei piloti più che piangere per la loro scomparsa. Chris Nixon ha scritto un bellissimo libro, intitolato "Mon Ami Mate", sull'automobilismo sportivo degli anni '50, il cui tema centrale è il vincolo d'amicizia tra Hawthorn e Collins. Non potrei consigliarvi un libro più caldamente.

Tradotto da: www.ddavid.com.


Video del periodo.

Altre storie
Fino al 1950. 1950 - 1960. 1970 - 1980.

1990 - 2000.

1. Il primo gran premio
2. Frecce d'argento
3. Nuvolari umilia Hitler.
4. L'ultima gara di Nuvolari.

01. Nasce il mondiale di F.1
02. Una gara memorabile.
03. Ritorna la Mercedes!
04. Tragedia a Le Mans.
05. Il sacrificio di Collins
06. Arrivano gli inglesi.
07. La nuova generazione.
08. Il dominio inglese
09. L'era di Clark
10. La Brabham
11. Bandini: il più amato
12. Addio Jim!
01. 1970: un anno da ricordare.
02. La tragedia di Rindt.
03. La Lotus 72.
04. La sorpresa Tyrrell.
05. Il litigio di Fittipaldi.
06. Il dramma di Williamson
07. Riscossa Ferrari.
08. Wing-car (1)
09. Wing-car (2)
10. La febbre Villeneuve.
11. Il turbo.
12. Ricordo di Depailler.
13. La corsa dei campioni.
14. Gilles: l'ultimo mito.
15. Elio de Angelis.
16. 1984: Nasce una stella.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. L'ultima di Berger
04. Tragedia a Monza.
05. Cooper e Hayes.

2000 - 2010

2010 - 2020

Varie.

Speciale Senna.

01. 2001 e i record di Schumacher.
02. 2001: L'ultima di Hakkinen.
03. 2002: Dominio assoluto.
04. La fine dell' Arrows.
05.Schumi, 6 leggendario!
06. Biografia di un campione.
07. 10 anni senza Senna.
08. Minardi.
09. 2005 Alonso nuovo fenomeno.
10. 2006 Schumacher 16 anni da Re
11. 2006 Alonso si conferma fenomeno.
12. 2007 Spy story ai danni della Ferrari.
13. 2007: Raikkonen per un punto.
14. La Honda si ritira!
15. 2008 Hamilton campione al secondo tentativo.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
17. 2009 BrawnGP toccata e fuga.
01. 2011 Vettel, ritratto di un bicampione del mondo
02. Sebastian Vettel, poker mondiale.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
04. Il Re è tornato.
05. Nico Rosberg, Campione e Stop
06. Lewis IV
Campioni veri?
I maghi di Monaco
Il Nuerburgring
La leggenda di Monza
La pista dei campioni
Le grandi rimonte
Primavera
Vittorie all'ultimo giro.
01. Donington '93:Senna nella leggenda.
02. 1994: La fine di Senna.
03. Vent'anni senza Ayrton Senna
07. 10 anni senza Senna.
16. 1984: Nasce una stella.
16. Quindici anni senza Ayrton (e Ratzenberger)
I maghi di Monaco
La pista dei campioni
Primavera
Senna A.

Titoli Ferrari

     
01. Due volte Ascari e una Fangio
02. Hawthorn nel 1958 Hill nel 1961
03. 1964: Surtees con fortuna.
04. 1975: Lauda dopo 11 anni.
05. 1979:Il trionfo di Scheckter
06. 2000:La fine di un'incubo
07. Anno di record per la Ferrari
08. 2001:Mai così facile.
09. 2002: Dominio assoluto.
10. 2003: Schumi, 6 leggendario!
11. 2007: Raikkonen per un punto.
     


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019