Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2017 Team e Piloti 2017 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti

James Hunt, una vita spericolata

Pino Casamassima su

Il 15 giuno 1993 James Hunt fu trovato morto nella sua casa londinese: ricordarlo significa ripercorrere, seppur brevemente, una vita spericolata che ebbe il suo momento di gloria proprio con quella McLaren che oggi, ancora una volta, rappresenta la maggiore avversaria del Cavallino rampante.

A Parigi, per ricevere il riconoscimento del titolo iridato conquistato, si presentò in smoking e scarpe da ginnastica, anche se lui avrebbe preferito andare scalzo, come spesso faceva. Era il 1976, e James Hunt era il nuovo campione del mondo di F.1: alla fine l'aveva spuntata su Niki Lauda, beffando con un solo punto di vantaggio, il rinunciatario ferrarista nell'ultima corsa in Giappone.

Risultato ottenuto con la McLaren, che grazie al fortissimo pilota inglese conquistava così il suo secondo titolo, dopo quello centrato due anni prima con Emerson Fittipaldi. Ma la figura di Hunt, più che alla McLaren, resta legata a quella di Lord Alexander Hesketh, un bizzarro rampollo della nobiltà inglese innamorato delle auto da corsa.

Dopo aver sponsorizzato la March del debutto in F.1 del suo pupillo, Hesketh realizzò un proprio team con una propria monoposto: un sodalizio che ebbe a Zandvoort nel 1975 il suo momento più glorioso con la vittoria nel Gran Premio d'Olanda: l'unica per il team Hesketh, e la prima delle dieci ottenute da Hunt nella sua carriera.

Nel 1976, infatti, il pilota inglese accettò la corte della McLaren, alla quale si legò fino al 1978. L'anno successivo, James passò alla Wolf rimasta vedova di Scheckter. Ma la scarsa competitività della monoposto convinse Hunt a maturare la decisione che già da tempo accarezzava: quella di abbandonare le corse.

Come nel suo stile, James annunciò improvvisamente che quello di Montecarlo sarebbe stato il suo ultimo Gran Premio: il 27 maggio 1979 si concluse quindi la carriera di Hunt in F.1. Dopo un tentativo mal riuscito di fare l'agricoltore, Hunt si diede alle telecronache dei Gran Premi per la BBC e per Eurosport, con commenti che innescarono spesso polemiche roventi fra i suoi colleghi, spesso giudicati con troppa disinvoltura dall'ex iridato.

Nel suo mirino finì più volte Patrese: del resto, con il pilota padovano c'era ancora ruggine per l'episodio monzese del 1978 sfociato nel dramma di Peterson. Ma ai contrasti, alle prese di posizione, agli atteggiamenti strafottenti, Hunt era abituato.

La sua esistenza è sempre stata esagerata, a cominciare dal modo di vivere la F.1, per finire all'uso e all'abuso di fumo, alcol, passando da una vita privata perlomeno disordinata. E anche la sua morte, avvenuta improvvisamente a 45 anni per arresto cardiaco, ha suscitato dubbi sull'effettiva causa del decesso.

Altri personaggi.

Andrea De Cesaris
Von Trips
Clay Regazzoni
Elio de Angelis
Michele Alboreto
Ignazio Giunti
Jody Scheckter
Mika Hakkinen
Alex Zanardi
James Hunt
Vittorio Brambilla

 


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Giochi

You tube di GaBBoDSQ Canale YouTube per gli appassionati di consolle Playstation e Xbox. Video e recensioni dei giochi più belli.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 14-gen-2017