Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2019 Team e Piloti 2019 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti

 



Personaggi:

Andretti M.
Ascari A.
Clark J.
Dennis R.
Fangio J.M.
Ferrari E.
Hamilton L.
Hill G.
Lauda N.
Lotus
Mansell N.
Moss S.
Patrese R.
Peterson R.
Piquet N.
Prost A.
Rindt J.
Schumacher M.
Senna A.
Stewart J.
Villeneuve G.
Williams F.

Team storici:

Alfa Romeo
B.R.M.
Brabham
Tyrrell

  Ron Dennis

Ronald Dennis (Woking, 1º giugno 1947) è un imprenditore e dirigente sportivo britannico, dal 1981 fino al 2009 presidente della McLaren. Sotto la sua conduzione la sezione sportiva della Casa automobilistica ha vinto 10 campionati del mondo di Formula 1 piloti (l'ultimo nel 2008 con Lewis Hamilton) e 7 campionati costruttori (l'ultimo nel 1998). Nel 2014 ritorna in seno al team nella qualità di amministratore delegato, incarico che lascia definitivamente al termine della stagione 2016. 

Dennis abbandonò gli studi a 16 anni per andare a lavorare come apprendista meccanico nelle officine Thompson & Taylor. Quando l'azienda fu acquistata dal gruppo Chipstead, Dennis diede i suoi primi passi nel mondo dell'automobilismo, nel 1966, per la Cooper Car Company. Dopodiché si unì alla scuderia Brabham e nel 1969 ne divenne il capo meccanico. Dennis ha ricordato in un libro che, alla fine del 1970, i titolari del team Jack Brabham e Ron Tauranac, dovendo rientrare in Gran Bretagna, gli lasciarono gestire la trasferta dal Gran Premio degli Stati Uniti al Gran Premio del Messico, responsabilizzandolo di tutti gli aspetti, persino per la parte finanziaria, da lì Dennis capì di essere in grado di gestire un team in proprio. Tre anni dopo fondò una propria squadra insieme a Neil Trundle, la Rondel Racing, con cui vinse alcune gare del campionato di Formula 2. Negli anni 70 lavorò per diverse scuderie di successo della stessa serie.

Nel 1981 fuse la propria squadra, la Project Four, alla scuderia McLaren di Teddy Mayer, ormai sull'orlo del fallimento, formando il McLaren Racing che successivamente divenne il McLaren Formula One Team. A partire da questo momento la squadra ha vinto 7 Campionati del Mondo nella categoria Costruttori e 10 Campionati Piloti (Niki Lauda, Ayrton Senna, Alain Prost, Mika Häkkinen e Lewis Hamilton). Prima del suo arrivo il palmares della McLaren contava 1 titolo mondiale costruttori e 2 piloti.

 

Dennis pensava che un team dovesse avere i migliori piloti in circolazione per poter vincere infatti, nel 1984, ingaggiò Alain Prost, che era l'astro nascente della F.1, per affiancarlo al due volte campione del mondo Niki Lauda. Risultato? Mondiale del 1984 a Niki e Mondiali 1985 e 1986 ad Alain, questo grazie al connubbio col motore Porsche e ai progetti innovativi di John Barnard.

 

Dopo il ritiro di Niki Lauda, Ron Dennis non si smentisce ed affianca al 2 volte campione del mondo, Prost, il giovane e talentuoso Ayrton Senna nel 1988. Anche il motore Porsche ormai non è più il top e Dennis strappa alla Williams la fornitura dei motori Honda con i quali inizia un dominio che durerà 4 anni . 1988 titolo con Ayrton, 1989 con Prost e 1990 - 1991 con Ayrton.

 

 

L'abbandono della Honda e di Senna, che nel 1994 andò incontro al suo tragico destino con la Williams, portò ad un calo di risultati, ma nel biennio 1998 - 1999, altri tre mondiali (2 piloti e 1 costruttori) grazie al bis-iridato di Mika Hakkinen. Ad inizio del 2000 Ron Dennis riuscì sempre a formare squadre e team competitivi ma mai a contrastare il dominio che in quegli anni aveva la Ferrari con Schumacher.

Si deve aspettare il 2008 per vincere un altro ed ultimo titolo. A farlo fù il 23enne Lewis Hamilton. Lewis 10 anni prima incontrò Dennis ad una manifestazione di kart ed il ragazzo gli si avvicinò dicendogli "io un giorno diventerò campione del mondo con una sua McLaren". Da quel giorno Ron Dennis segui la carriera del ragazzo e nel 2007 gli affidò una sua vettura affiancandolo al due volte campione del Mondo Fernando Alonso e già al primo anno avrebbe potuto vincere il titolo.

Ron Dennis è restato al timone del team fino a quella stessa stagione poi, a seguito della maxi-multa sanzionata per spionaggio nei confronti della Ferrari, dovette perdere il titolo mondiale costruttori vinto nel 2017 e pagare una multa di 100 milioni di euro. Nel 2014 decise di tornare operativo con la voglia di riportare al successo la McLaren. La collaborazione con Honda avrebbe dovuto regalare nuovamente una monoposto competitiva ma gli ultimi anni sono stati deludenti e si è arrivati al 2016 quando cede l'incarico di amministratore delegato.

Dura quindi 50 anni esatti l'avventura di Ron Dennis in Formula 1 nel frattempo, il 19 giugno 2000 riceve l'onorificenza di Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico a testimonianza di quello che ha fatto e del grande lavoro per la Formula 1. Resta, insieme a Frank Williams, l'ultimo di quelli che venivano chiamati "garagisti" che fino agli anni '90 potevano tenere testa a team con più disponibilità economiche e tecnologiche.

 

 

 

 

 

 

Formula1news.it

 


I numeri della carriera


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 13-gen-2019