Formula 1 news, la storia, le news, i gran premi. Formula1News.it

@Ticket on-line

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Homepage Mappa sito Gran premi 2018 Team e Piloti 2018 Storia Albo d'oro Miti Altri anni Video Senna
Condividi

Aggiungi ai preferiti



Personaggi:

Andretti M.
Ascari A.
Clark J.
Fangio J.M.
Ferrari E.
Hill G.
Lauda N.
Lotus
Mansell N.
Moss S.
Patrese R.
Peterson R.
Piquet N.
Prost A.
Rindt J.
Schumacher M.
Senna A.
Stewart J.
Villeneuve G.
Williams F.

Team storici:

Alfa Romeo
B.R.M.
Brabham
Tyrrell

 

nasce a Kilmany il 4 marzo 1936 da una famiglia di agricoltori e queste sue povere radici lo accompagneranno per tutta la sua vita. E’ l’unico figlio maschio della famiglia che ha già quattro figlie. Il suo debutto nel mondo delle corse è subito disapprovato dai suoi famigliari. Corre in gare di rally locali sotto la guida del suo amico Ian Scott-Watson. Più tardi entrerà nel team capitanato da Jock McBain. In una di queste gare pilota una Lotus Elite contro nessun altro all’infuori di Colin Chapman. Chapman rimane molto impressionato dal giovane scozzese e tiene sott’occhio il ragazzo. Nel 1959 McBain decide di acquistare una monoposto di Formula 2 della Lotus con la quale far gareggiare Clark il quale, però, rimane molto scosso nel vedere Graham Hill che perde una ruota con una vettura simile e, spinto dalla convinzione che le Lotus non siano sicure, decide per il momento di rimanere a correre con le sport car. Dopo poco gli viene fornita una Aston Martin con la quale viene notato da Reg Parnell, il team manager della grande scuderia. L’Aston Martin sta progettando il suo ingresso in Formula 1 e dopo un test sigla un contratto con Clark il quale ha intanto cambiato idea ed è sotto contratto anche con il team Lotus di Chapman per correre in Formula 2.

In Formula 2 Clark ha subito successo e, l'anno dopo, debutta in Formula 1 sempre con la Lotus.

La sua prima gara è il Gran Premio di Germania del 1960 nel quale corre al posto di John Surtees che è ancora impegnato anche nel campionato di motociclismo. La sua gara è abbastanza tranquilla e si trova al quinto posto quando è costretto al ritiro a causa di una rottura del cambio. La gara successiva è a Spa in Belgio. Questa è la pista più pericolosa del campionato, un circuito di oltre 14 km che nel 1960 vede la morte di ben due piloti, tra cui il compagno di squadra di Clark Alan Stacey.A dispetto di questo Clark arriva quinto al suo secondo Gran Premio disputato.

L’anno successivo è segnato da pochi successi.Al Gran Premio d’Italia la Lotus di Clark entra in contatto con la Ferrari di Wolfgang von Trips. La Ferrari carambola nel prato uccidendo alcuni spettatori e, nello schianto, perde la vita anche il pilota tedesco, che si accingeva a vincere il titolo proprio quell'anno.

Il 1962 sarà una anno migliore. In quella stagione il calendario prevedeva gare di Formula 1 non valide per il Campionato del Mondo e si inizia subito con due vittorie di Clark. Ma, alla gara vera e propria di apertura del Campionato, in Olanda le sue speranze si scontrano con un’ennesima rottura del cambio. Una settimana dopo a Monaco, in una gara che non vincerà mai, viene nuovamente tradito dalla sua vettura ma questa volta a causa di una rottura del motore. Dopo un inizio di stagione carico di promesse, la Lotus è in lotta per trovare l’affidabilità. La Lotus 25 è sicuramente un’ottima vettura da gara se solo ne riuscisse a finire una! La risposta arriva in Belgio, la pista che Clark preferisce e sulla quale vincerà per ben quattro volte consecutive.Dopo una lunga battaglia durata tutta la stagione, Clark perde il titolo in favore di Graham Hill quando la sua vettura si rompe nell'ultima gara: in quel momento era in testa!

Durante la pausa tra le due stagioni, la Lotus porta le sue vetture a Indianapolis per dei test privati. Le vetture girano a delle medie superiori ai 220 km/h! Gli americani che seguono queste prove hanno un assaggio di futuro, infatti nel 1963 Clark domina il Campionato vincendo 7 gare su dieci e totalizzando 7 pole!

L’anno successivo è una stagione con alti e bassi che vede in lotta per il campionato ben tre piloti, Hill, Surtees e Clark. La gara finale in Messico è anche quella decisiva e vede subito l’uscita di Hill colpito da Bandini, guarda caso compagno di squadra di Surtees.Clark domina la gara fin dalle prime battute ma, all'ultimo giro, una rottura del motore lo costringe a lasciare il titolo a Surtees ed alla Ferrari.

Il campionato del 1965 è ancora un duello tra Clark, Hill e Surtees ma subito un quarto pilota entra in lizza: il suo nome è Jackie Stewart ed il ragazzo scozzese, con le sue prodezze, fa sapere a tutti che dovrà essere temuto in futuro!

clark4.jpg (22507 byte)Ma per il momento questo è l'anno di Clark, anno in cui vince anche a Indianapolis con gran vantaggio su tutti gli altri. Dominando la gara per 190 giri su 200 fa una grande impressione sui rivali americani.

Con l'introduzione, nel 1966, della nuova Formula da 3 litri la Lotus si trova in ritardo a causa del motore assolutamente poco competitivo. L'arrivo, nel 1967, del Ford Cosworth DFV riporta la Lotus ai livelli che le competono. Clark vince la leggendaria gara di Zandvoort ma la rincorsa è iniziata troppo tardi ed alla fine della stagione si trova solamente terzo nel Campionato del Mondo.

Il 1968 inizia con una vittoria in Sudafrica, vittoria con la quale Clark sorpassa Juan-Manuel Fangio nel numero di GP vinti.

Purtroppo questa sarà la sua ultima vittoria: Jimmy Clark muore in quello stesso anno durante una gara di Formula 2 a Hockenheim.


I numeri della carriera

 


Senna

Ayrton Senna Forever Un tributo al più grande pilota di tutti i tempi.



Salute

Yoga a Modena Yoga Olistica Modena.
Praticare Yoga a Modena.
Un luogo dove stare bene.



Tickets on-line

#Tickets on line.
Vendita biglietti per tutti i Gran Premi di Formula 1.

 


 

@Ticket on-line.
Emergenza Zimbabwe

Scrivete se avete domande o commenti

© Mario Gaiba . All rights reserved. I contenuti non originali appartengono ai legittimi proprietari.

Aggiornato il: 31-gen-2018